0 0
Read Time:3 Minute, 24 Second

Carpe diem – da Quinto Orazio Flacco al motto universale

La vita di Quinto Orazio Flacco è scarsa di notizie. Parlano per lui i numerosi componimenti in versi, carmi e satire, che ci ha lasciati, o meglio che sono stati fortunosamente recuperati.

Orazio nacque a Venosa nel 65 a.C. da famiglia non nobile, il padre era stato un liberto affrancato che si era fatto strada come esattore delle pubbliche aste. Aveva voluto perciò che il figlio studiasse e lo aveva mandato ad Atena per completare la sua formazione culturale; da lì guidò come tribuno dei soldati un ordine equestre nell’esercito di Bruto nella battaglia di Filippi sul cui campo non si distinse affatto per gesta eroiche.

Grazie a Ottaviano, che lo salvò e gli concesse l’ufficio di scriba quaestorius per poter avere di che vivere, ebbe tutto il tempo e modo di potersi dedicare alla poesia, sotto al patrocinio di Mecenate.

Non fece mai segreto della sua riconoscenza verso Ottaviano e Mecenate e accanto a questi fu sepolto, sul colle dell’Esquilino, nell’8 a.C.

Carpe diem - da Quinto Orazio Flacco al motto universale

Orazio e i piaceri della vita

Orazio amava la campagna e negli ultimi anni si era ritirato infatti nella sua villa di Tivoli; ma nelle sue poesie ricorre spesso il ricordo del mare, il capriccioso Mare Adriatico, sulla cui costa era nato. Non disdegnava i piaceri della vita, cibo e donne, anche se non propriamente un Adone perché obeso e basso di statura.

Facile all’ira e al motteggio, raccontava un episodio della sua infanzia in cui si era perso rivestendolo di aura mitologica, non tanto per nobilitare le sue origini di cui invece andava fiero ed era grato al padre, quanto per assegnarsi la impronta di predestinazione poetica. Sfuggito infatti alla nutrice arrivò alle pendici del monte Vulture, un monte vulcanico della Lucania, dove fu ritrovato illeso, protetto dalle colombe che per salvarlo lo coprirono di foglie di mirto e di alloro. C’erano tutti i simboli della sua futura vocazione e tutti gli elementi della tradizione biografica dei poeti greci.

latini greci
Ball Game Roman Villa Of Casale Sicily Art Game
A parte i componimenti encomiatici dovuti ad Augusto per ripagare il suo stesso sostentamento, la poesia di Orazio è una poesia del quotidiano che rappresenta aspetti del vivere comune che fissa per sempre regalandoli ai posteri con una immediatezza espressiva disarmante. Una poesia anche fondamentalmente autobiografica.

Se la sua vocazione è principalmente satirica, per tradizione e occasione fornita continuamente dalla commedia umana, è però nella lirica che ritroviamo una vena malinconica che conquista.

I Carmina

La pallida Morte batte con piede

Imparziale al tugurio del povero

E ai turriti palagi del re.

(Carmina, I – 4)

Orazio è stato definito poeta dell’edonismo, ma il suo invito a godere del presente nasconde una tremenda consapevolezza della caducità della vita umana.

Oggi l’animo lieto sfugga l’ansia

Del domani, temprando le amarezze

Con freddo riso: ché felice in tutto

Nessuno è mai.

(Carmina II-16)

Carpe diem

Ad Orazio dobbiamo il famosissimo motto carpe diem:

Tu non chiedere (tanto non è dato

Sapere) quale a me, e quale altra a te

Sorte gli dei concedano, Leoconoe;

e i giri delle stesse non tentare.

Meglio sporgersi al buio del domani

Quale che sia, anche se molti inverni

ci assegna Giove o sia l’ultimo questo

Che su le opposte rocce stanca il mare

Tirreno: appronta i vini, saggia; e accorcia,

poi che lo spazio è breve, il desiderio

lungo. Parliamo, e il tempo invido vola:

godi il presente, e il resto appena credilo.

(Carmina I-11)

Citazioni

Il film “L’attimo fuggente” è ispirato a questo stesso motto e la frase che lo traduce “Carpe diem, cogliete l’attimo ragazzi, rendete straordinaria la vostra vita”, diventa un insegnamento di vita per i ragazzi del college del professor Keating, ma non solo: un’intera generazione di giovani è stata portata, grazie a  quel film a tratti sconvolgente, a riflettere  sul valore della vita, sull’influenza delle letture, sull’importanza della cultura e soprattutto sulla responsabilità personale.

Su Amazon

 

 

About Post Author

Romina Angelici

Romina Angelici è scrittrice e saggista. Si dedica in particolare all'800 ed è esperta di letteratura inglese.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %